Alleanza Usa-Regno Unito-Australia, la sorpresa e la delusione di Borrell: "Ue non consultata"

·2 minuto per la lettura

"Aukus" o non "Aukus"? Questo è il dilemma!

L'Unione Europea è stata colta di sorpresa dall'annuncio dell'alleanza di difesa tra Stati Uniti, Australia e Regno Unito, denominata "Aukus".

L'Ue è pronta ad "analizzare le ripercussioni" di tale accordo, ha dichiarato Josep Borrell, Alto Rappresentante dell'Ue per gli Affari Esteri, in una conferenza stampa a Bruxelles.

Borrell ha anche svelato che l'Unione europea è stata consultata sull'accordo. Borrell ha aggiunto che l'Ue è desiderosa di aumentare la sua influenza nella regione indo-pacifica (alla quale fa riferimento l'alleanza "Aukus"), aumentando i suoi legami commerciali e la presenza marittima.

Ma cos'è "Aukus"?

Per spiegare qual è la finalista di questa alleanza tra Usa, Regno Unito e Australia, sentiamo cosa ha dichiarato il premier britannico Boris Johnson:
"Stiamo inaugurando un nuovo capitolo della nostra amicizia e il primo compito sarà quello di sostenere l'Australia nell'acquisizione di una flotta di sottomarini a propulsione nucleare".

"Abbiamo intenzione di costruire questi sottomarini ad Adelaide, in Australia in stretta collaborazione con il Regno Unito e gli Stati Uniti", ha dichiarato il primo ministro australiano Morrison. "Ma lasciatemi essere chiaro: l'Australia non sta cercando di acquisire armi nucleari o dare vita a una capacità nucleare civile".

Unione europea: "Non ne sapevamo nulla"

Spiega Borrell:
"Un accordo di questa natura non è stato cucinato l'altro ieri; ci vuole un certo tempo. E nonostante ciò, no; l'Unione europea non è stata consultata. Questo ci obbliga di nuovo - e questo è un buon momento per ricordarlo - a riflettere sull'importanza di andare avanti sulla questione dell'autonomia strategica dell'Unione Europea".

"È un ulteriore nuova prova che abbiamo bisogno di esistere da soli".

Josep Borrell
Alto Rappresentante Ue per gli Affari Esteri

Cina: "Un atto irresponsabile"

La Cina è stata molto più critica, condannando con veemenza l'accordo "Aukus".
Da Pechino, il portavoce del Ministero degli Esteri, Zhao Lijian, non le ha certo mandate a dire:
"La cooperazione di Stati Uniti, Regno Unito e Australia nei sottomarini nucleari danneggia gravemente la pace e la stabilità regionale, intensifica la corsa agli armamenti e mette in pericolo gli sforzi internazionali per promuovere la non proliferazione delle armi nucleari. Questo è un atto altamente irresponsabile".

La partnership trilaterale di difesa tra Washington, Londra e Canberra mira alla stabilità e alla sicurezza della zona indo-pacifica, anche contro le sempre maggiori ingerenze di Pechino.

I rapporti tra Australia e Cina, peraltro, sono relativamente buoni: nel 2018, una nave da guerra cinese partecipò per la prima volta ad una esercitazione marittima australiana al largo della costa di Darwin.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli