Allegri può essere l'allenatore giusto per la Roma?

Alessio Eremita
·2 minuto per la lettura

Il destino giallorosso di Paulo Fonseca è strettamente legato alla partita di domani contro lo Spezia. In caso di sconfitta o prestazione deludente, il tecnico verrà esonerato dalla Roma anche per la pessima gestione dello spogliatoio nel corso di questa settimana. Ai doppi ko contro Lazio e gli aquilotti in Coppa Italia, infatti, si aggiunge la tensione con i senatori della rosa, che giovedì hanno tardato l'inizio dell'allenamento di tre ore. Il clima pesante che si respira dalle parti di Trigoria potrebbe così compromettere la permanenza nella Capitale di Fonseca.

Sulla testa del portoghese aleggia con insistenza il fantasma di Massimiliano Allegri, candidato numero uno alla panchina giallorossa. L'intenzione della proprietà Friedkin è quello di affidarsi a un allenatore che già conosca la Serie A e abbia il carisma per poter rispettare gli obiettivi stabiliti in estate: ossia la qualificazione alla prossima Champions League e un ottimo impatto sull'Europa League. Non si parla di Scudetto, anche se con Max tutto è possibile.

Massimiliano Allegri | Tullio M. Puglia/Getty Images
Massimiliano Allegri | Tullio M. Puglia/Getty Images

Per questo motivo Allegri sarebbe il profilo ideale su cui puntare per far tornare il sereno. Innanzitutto per il blasone di un allenatore capace di stupire con il Cagliari, confermarsi al Milan e costruire un impero alla Juventus. Il suo palmares parla da solo: 15 trofei conquistati durante la sua carriera tra Serie C, Serie A, Coppa Italia e Supercoppa italiana. Poi, la motivazione di Allegri svolge un ruolo importante nella scelta: fermo da quasi un anno e mezzo, ha rifiutato molte proposte di top club europei accettando invece di ascoltare quella della Roma. C'è interesse reciproco.

L'eventuale ritorno in Serie A creerebbe un forte impatto sulle dirette concorrenti, offrendo maggiore credibilità e ambizione alla Roma. Non è dato sapere se il suo subentro possa concretizzarsi a stagione in corso o a giugno. Certo è che la scelta di Allegri rappresenterebbe un punto di partenza (e forza) per un gruppo che necessita di un condottiero autorevole e sicuro dei propri mezzi.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Roma e della Serie A.