Allenatore squadra femminile calcio in Afghanistan: "Mie allieve non giocano e io vivo nascosto"

·1 minuto per la lettura

"I talebani sono venuti a cercarmi a casa, non mi hanno trovato solo perché sono stato più veloce di loro a scappare, a trovare un rifugio lontano. Ma non posso più vivere così, perennemente minacciato, nascosto. Riguardo su facebook le foto di partite che sembrano vecchie di decenni, non ho più notizie delle mie allieve. In un attimo siamo ripiombati nel buio più totale". E' un nuovo urlo disperato di aiuto quello che arriva all'Adnkronos dall'Afghanistan.

Hamidullah è l'allenatore della squadra di Futsal femminile selezionata nella provincia di Herat e della squadra di club della Afghan Futsal Premier League. Oggi teme per la sua vita, ricercato perché, dice "allenavo le ragazze, una cosa a loro decisamente non gradita".

(di Silvia Mancinelli)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli