Allerta gialla per lo Stromboli: vietate escursioni sopra 290 metri

Stromboli allerta gialla

Il Dipartimento della Protezione Civile ha diramato il cambio di allerta per lo Stromboli, che passerà da arancione a gialla. Nonostante la diminuzione, il vulcano rimane attivo e rimangono in vigore le limitazioni a navigazione ed escursioni.

Allerta gialla per lo Stromboli

A prendere la decisione è stata la riunione della Commissione nazionale per la previsione e la prevenzione dei grandi rischi lo scorso 7 novembre 2019. Prima di arrivare al provvedimento ha sentito anche il parere dei Centri di Competenza e del Dipartimento della Protezione Civile Della Sicilia.

A evidenziare il cambiamento sono state le recenti segnalazioni e valutazioni di pericolosità effettuate dai tecnici competenti. Il livello di allerta prevede un’attività del vulcano elevata o molto elevata accompagnata da colate laviche di bassa o media intensità lungo la Sciara del Fuoco. Possibili anche emissioni di lava nell’area craterica.

Date queste premesse, per garantire la sicurezza dei cittadini, rimangono vietate le escursioni sopra i 290 metri e la navigazione di un miglio marino nel tratto antistante la Sciara del Fuoco. Continua anche in questa fase il monitoraggio dell’attività vulcanica e il costante contatto tra Protezione Civile, comunità scientifica e strutture operative.

Le informazioni scambiate, assicurano, verranno trasmesse ai dipartimenti locali siciliani in modo da rendere possibile la risposta a eventuali situazioni emergenziali. Si avverte infine che i passaggi di livello di allerta possono anche non avvenire in modo graduale. Sono infatti sempre possibili variazioni repentine e improvvise dell’attività vulcanica. Pertanto è da tenere presente che esplosioni maggiori o parossistiche non sono da escludere anche in caso di abbassamento del livello di allerta.

Un invito dunque a prestare la dovuta attenzione nonostante il cambiamento.