All'Europa serve EuroVax, una Airbus dei vaccini

Alberto Quadrio Curzio
·Economista, presidente emerito Accademia dei Lincei
·2 minuto per la lettura
(Photo: ansa)
(Photo: ansa)

Negli ultimi 10 giorni di febbraio due summit sono stati segnati dall’emergenza pandemia. Si tratta del G7 del 19 febbraio e del Consiglio europeo del 25 e 26 febbraio. Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha fatto il suo ingresso nei due summit sottolineando l’urgenza di agire subito e lo stesso ha fatto il presidente Usa Joe Biden al G7.

Il G7: sanità e sostenibilità

Il dibattito al G7 si è concentrato prevalentemente sulla questione sanitaria globale anche per le connessioni eco-ambientali e socio-economiche per uno sviluppo umano sostenibile.

Dal punto di vista politico generale cruciale è il netto cambio di rotta degli Usa che rientrano sia nella Organizzazione mondiale delle sanità (Oms), sia nell’accordo di Parigi sul clima. Così come significativo è il sostegno del G7 all’Oms per l’accesso ai vaccini anti-Covid ai paesi in via di sviluppo con un contributo di circa 4 miliardi di dollari che porta a 10 miliardi la disponibilità per questa iniziativa “CoVax”.

Dal punto di vista della sostenibilità si è sottolineato il nesso tra lo sviluppo e il rispetto della biodiversità e dell’ambiente, nella consapevolezza che l’attuale pandemia è stata certo favorita (se non innescata?) anche dall’alterazione di equilibri naturali per eccesso di antropizzazione. Esplicito è il sostegno agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Onu e l’impegno di tenerne conto anche nel sostenere l’uscita socio-economica dalla pandemia.

Il Consiglio europeo: salute, sovranità e sicurezza

Le conclusioni della prima parte del Consiglio Europeo sono dello stesso tono, ma nel caso specifico delle Ue si tratta anche di acquisire una (maggiore) autonomia perché siamo totalmente dipendenti per i vaccini anti-Covid dall’industria farmaceutica extra-europea. Il tema era già emerso nel ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.