All'improvviso Matteo Salvini scopre le primarie

·2 minuto per la lettura
Il leader della Lega Matteo Salvini al punto stampa della scuola di formazione politica a palazzo Castiglioni a Milano, 6 novembre 2021.ANSA/MOURAD BALTI TOUATI (Photo: Mourad Balti TouatiANSA)
Il leader della Lega Matteo Salvini al punto stampa della scuola di formazione politica a palazzo Castiglioni a Milano, 6 novembre 2021.ANSA/MOURAD BALTI TOUATI (Photo: Mourad Balti TouatiANSA)

“Se ognuno esprime il suo candidato a prescindere dalla squadra, questo non è un gioco di squadra. L’invito al centrodestra è: laddove non c’è una sintesi si chiede ai cittadini e poi chi vince è il candidato”. Così Matteo Salvini, segretario della Lega, a margine di una riunione del partito in consiglio regionale a Palazzo Pirelli, a Milano, lancia ufficialmente l’idea delle primarie del centrodestra in vista delle amministrative 2022.

“Anziché litigare per mesi, se ci sono diversi candidati, allora facciamo le primarie”, ha detto. Secondo lui infatti sono l’unica via “perché non si ripeta altrove quello che è successo a Milano o Roma”, durante le amministrative da poco concluse. A Como, ad esempio, Fratelli d’Italia ha già individuato il suo candidato nel coordinatore locale del partito Stefano Molinari: “Laddove c’è un accordo” come a “Monza, Lodi e Genova” con un “sindaco uscente che ha lavorato bene”, spiega Salvini, il piano è convergere, in caso contrario, “chiediamo ai cittadini”.

L’annuncio sembra una sconfessione del metodo sinora utilizzato nel centrodestra e invece da sempre proprio del centrosinistra. Lo stesso Salvini nel corso degli anni non ha fatto segreto della poca efficacia secondo lui delle primarie, rimarcandone più volte, compreso il momento in cui c’era da augurare buon lavoro a Nicola Zingaretti, la scarsa affluenza e partecipazione. E nel 2018 le aveva persino paragonate, quelle del centrosinistra, al talent musicale X-Factor, “vorrei ci andasse Mara Maionchi”, aveva commentato.

Ignazio La Russa, vicepresidente del Senato e tra i fondatori di Fdi, ha accolto con favore l’idea. “Sono contento che il tema inizia a far breccia nella coalizione”, ha detto. “Da quando siamo nati abbiamo chiesto le primarie di coalizione... Ce lo abbiamo scritto nello statuto”, ha aggiunto, e ricorda al leader della Lega che il partito di Giorgia Meloni ha sempre “tifato” per “consultazioni aperte”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli