All'Ismett di Palermo straordinaria sequenza di trapianti di polmone

Redazione
·2 minuto per la lettura

PALERMO (ITALPRESS) - Quattro trapianti di polmoni effettuati in poco piu' di una settimana, a Palermo: e' questo il traguardo raggiunto da ISMETT, una meta ancora piu' straordinaria perche' raggiunta in periodo pandemico, mediamente nel centro palermitano si eseguono circa 15 trapianti di polmone all'anno. La difficolta' di questi interventi deriva dal fatto che il polmone e' l'organo piu' complesso da prelevare per la sua fragilita' e perche' e' facilmente esposto a infezioni, traumi, agenti esterni. Per questo motivo solo un donatore su 10 puo' effettivamente donare anche i polmoni. La sequenza cosi' ravvicinata di trapianti e' ancora piu' straordinaria perche' effettuata in periodo pandemico.

"I polmoni - sottolinea Alessandro Bertani, responsabile del programma di Chirurgia Toracica e Trapianto di Polmoni dell'Istituto Mediterraneo - sono l'organo target del virus, pertanto sia i donatori che i riceventi possono essere colpiti dalla polmonite da Covid-19, mettendo a rischio il buon esito del trapianto. Per questo sono richiesti controlli accuratissimi prima di effettuare un prelievo o un trapianto dei polmoni".

"Inoltre - continua Bertani - gli specialisti che si occupano di prelievo e di trapianto polmonare sono gli stessi che si occupano ormai da piu' di un anno della gestione e trattamento dei pazienti Covid-19. Pertanto, le energie umane e organizzative per la donazione ed il trapianto sono messe a dura prova ed e' spesso molto difficile riuscire ad organizzare una procedura cosi' complessa come un trapianto di polmone. Anche le macchine Ecmo che vengono usate per i pazienti Covid sono le stesse necessarie per il trapianto di polmone".

L'eccezionale obiettivo e' stato reso possibile grazie a 4 donazioni che si sono rese disponibili in rapida successione in tre diverse citta': Messina, Catania e Roma. Ad essere sottoposti a trapianto sono stati tutti pazienti siciliani di eta' compresa fra i 23 ed i 64 anni.

In un caso e' stato utilizzato anche un donatore pediatrico, che ha permesso di trapiantare una paziente affetta da interstiziopatia polmonare, in attesa da oltre cinque anni. Per le caratteristiche complesse del polmone, infatti, il numero di trapianti di questo organo in tutta Italia e' limitato a circa 150 all'anno.

Nelle regioni del sud, dove i tassi di donazione sono meno favorevoli rispetto ad altre regioni d'Italia, e' in corso un grosso sforzo organizzativo per ottimizzare l'attesa in lista. "Le condizioni dei pazienti sottoposti a trapianto - conclude Bertani - sono buone. Due dei quattro pazienti sono gia' stati trasferiti in degenza ordinaria, gli altri due sono ancora ricoverati in Terapia Intensiva ma il loro decorso e' regolare".

(ITALPRESS).

vbo/com