Alluvione Marche, mamma del bimbo disperso: “Riportatemi mio figlio”

Alluvione Marche, mamma del bimbo disperso: “Riportatemi mio figlio” (Foto Facebook)
Alluvione Marche, mamma del bimbo disperso: “Riportatemi mio figlio” (Foto Facebook)

Riportatemi mio figlio Mattia”. Così, dal letto di ospedale in cui è ricoverata per un principio di polmonite, Silvia Mereu, la madre di un bambino di 8 anni disperso dopo l'alluvione che ha piegato le Marche.

La donna, una 42enne farmacista di Barbara, nell’Anconetano, ha raccontato a la Repubblica gli attimi in cui un’ondata d’acqua ha strappato dalle sue braccia il figlio Mattia.

"Ho lottato per tenerlo stretto a me dopo aver abbandonato la mia macchina, ma c'era quella forza sovrumana, quell'acqua che ci ha travolti trascinandoci verso il basso e che me l'ha strappato via dal petto. Il mio unico adorato figlio adesso dov'è?", ha detto Silvia distrutta dal dolore.

Ripercorrendo gli attimi prima che "un'onda marrone come una furia" li travolgesse, la 42 enne ha raccontato che la tragedia è iniziata intorno alle 20, massimo 20.30. “A Barbara non pioveva – ha ricordato la donna - Avrò percorso in auto sulla Corinaldese meno di una decina di chilometri. Ha iniziato a piovere e poi ho visto quell'onda marrone arrivare come una furia verso di noi. Ho inserito la retromarcia per cercare di tornare indietro e imboccare un'altra strada. Ma è accaduto l'impossibile: l'auto è stata come sollevata dalla potenza di quell'inondazione che arrivava dall'affluente Nevola. La macchina in pochi secondi si è riempita d'acqua. Non avevo altra scelta, dovevamo scendere e nuotare".

Madre e figlio hanno cercato di rimanere uniti, ma una nuova mareggiata li ha separati: "Mi sarà scivolato dalle braccia, l'ho visto aggrappato a un tronco. Poi sono salita si un albero, ma da lì non l'ho più visto. C'era solo il nero attorno a me".

La donna è rimasta aggrappata all’albero un paio di ore, fino all'arrivo dei soccorritori. “Mattia è autistico. Non parla ma aveva negli occhi il terrore. Non riesco a perdere la speranza. Lo so che non è razionale, sono trascorse quasi 24 ore. Ma io rivoglio mio figlio. Lancio un appello ai soccorritori: 'Riportatelo alla sua mamma'".

GUARDA ANCHE: Nubifragio nelle Marche: continua la ricerca dei dispersi