Alopecia, via libera della Fda al farmaco che fa ricrescere i capelli

Alopecia, via libera della Fda al farmaco che fa ricrescere i capelli
Alopecia, via libera della Fda al farmaco che fa ricrescere i capelli

È stato approvato dalla Food and Drug Administration il farmaco orale Baricitinib, specifico per i pazienti affetti da alopecia. In autunno verrà dato il via alla sua sperimentazione presso l'Università Tor Vergata di Roma per capire quanto sia efficace sul lungo periodo.

Si tratta di una grande novità nel campo tricologico che dà grandi speranze a uomini, donne e bambini colpiti da una malattia ancora poco nota. Le pastiglie fanno ricrescere capelli e peli e sono prodotte dalla società americana Eli Lilly. L'approvazione del farmaco specifica per pazienti affetti da alopecia da parte della Fda è la consacrazione di questo promettente trattamento, anche se gli esperti consigliano cautela.

GUARDA ANCHE: Alopecia, schiaffo di Will Smith a Chris Rock

Gli effetti

La dermatologa Marcella Ribuffo, presidente della LILT Roma (Lega italiana per la lotta ai tumori) ed esperta in tricologia, ha dichiarato: "Il Baricitinib è l'evoluzione di una classe di farmaci chiamati inibitori delle Janus chinasi (JAK), noti da diverso tempo. Già utilizzati contro altre patologie immunitarie - come l'artrite reumatoide, alcune forme di psoriasi, il lupus, ecc. - e usati anche in alcune forme molto gravi di Covid, agiscono interferendo con la via di segnalazione cellulare che porta all'infiammazione. In pratica agiscono interferendo con gli enzimi responsabili dell'infiammazione, che è uno degli effetti che portano alla perdita dei capelli in alcuni casi di alopecia areata". Il farmaco non interviene sulle cause dell'alopecia, ancora poco conosciute, e quindi è difficile stabilire quanto saranno duraturi gli effetti sul lungo periodo. Attraverso la sua assunzione, però, sarà possibile avere ottimi risultati sulla ricrescita dei capelli in un arco di tempo di circa 36 settimane.

Alopecia, via libera della Fda al farmaco che fa ricrescere i capelli
Alopecia, via libera della Fda al farmaco che fa ricrescere i capelli

Una malattia autoimmune

La forma di alopecia areata per cui la FDA ha approvato il nuovo farmaco resta poco nota, nonostante i numerosi studi. Colpisce circa il 2% della popolazione ed è una malattia autoimmune in cui i linfociti, le cellule del sistema immunitario, riconoscono come "estranei" i bulbi piliferi e li aggrediscono. Il farmaco è stato testato su 1.200 pazienti attraverso due differenti studi pubblicati il mese scorso sul New England Journal of Medicine. Il 40% dei pazienti ha recuperato completamente la totale ricrescita dei capelli. Gli effetti collaterali sono stati leggeri (infezioni del tratto respiratorio, mal di testa, acne, colesterolo alto).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli