Patagonia, ritrovato morto l'alpinista italiano Corrado Pesce: il corpo individuato dai droni

·2 minuto per la lettura
Alpinista italiano disperso in Patagonia: la disperazione della sorella (Foto Facebook)
Alpinista italiano disperso in Patagonia: la disperazione della sorella (Foto Facebook)

L'alpinista italiano Corrado Pesce, 41 anni, è stato trovato morto sul Cerro Torre, in Patagonia. Era disperso da venerdì, dopo essere stato travolto da una valanga di sassi. La speranza è che potesse essere ferito, così sono partite le ricerche coi droni che però hanno solo potuto individuare il cadavere.

"Non può più essere vivo”, ha riferito all'ANSA Carolina Codó, medico argentino e responsabile del Centro dei soccorsi alpini di El Chaltén. "Abbiamo potuto solo oggi ingrandire le immagini di un drone volato venerdì mattina nella zona dell'incidente - ha detto all'agenzia Ansa -. Si vede il corpo di Pesce scivolato 50 metri sotto la piattaforma dove aveva passato la notte con un compagno argentino. A quell'altezza, e senza protezione adeguata, la morte per ipotermia arriva dopo massimo due ore", ha spiegato la responsabile.

LEGGI ANCHE: Lo scalatore e guida di Novara risulta ancora bloccato oltre quota 3000 ed è gravemente ferito

GUARDA ANCHE IL VIDEO: L'alpinista Kami Rita sull'Everest per la 25esima volta: è record

Da quanto si è appreso, l'alpinista era in cordata con un gruppo di scalatori, come l'argentino Tomás Aguiló e altri alpinisti professionisti, quando una valanga li ha travolti. Corrado Pesce, colpito da una scarica di sassi, è rimasto ferito seriamente. I compagni sono riusciti a scendere, dopo averlo lasciato in una piccola grotta naturale sulla parete della montagna, chiamata "box degli Inglesi". Messisi in salvo, i compagni dell'alpinista hanno subito allertato i soccorsi.

LEGGI ANCHE: Sulle montagne del Veronese un 23enne sbaglia direzione e resta bloccato su un salto di roccia

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Le balene della Patagonia. Incontro ravvicinato con una turista

LEGGI ANCHE: Giorgio De Bona ripercorre le ore drammatiche dell’incidente e del suo recupero nel Bellunese

Disperata sua sorella Lidia, che su Facebook ha scritto: "Non riesco a crederci. Hai portato via una parte di tutti noi. Tua Figlia, i tuoi nipoti: per loro eri e sei lo Spiderman sul ghiaccio. Sarà dura mandare giù tutto questo buoi che hai creato".

LEGGI ANCHE: Alpinismo, l'italiano Bergamini alla conquista dell'Himalaya

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Magia sulle Alpi dell’Ortles: l’alpinista Marco Confortola immortala un’autoctona ‘aurora boreale’

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli