Alpinista precipitato per 100 metri dalla cascata di ghiaccio: gravissimo

alpinista precipitato cuneo

Tragedia nel cuneese: un alpinista di 29 anni è precipitato per 100 metri dalla cascata di ghiaccio di Ciucchinel di Bellino, in valle Varaita. L’uomo, residente a Carmagnola, è stato immediatamente soccorso dal Cto di Torino. Le operazioni di recupero dell’alpinista sono state difficoltose. Inoltre, le condizioni del 29enne sarebbero critiche. Rimangono da chiarire le cause che hanno condotto all’incidente.

Alpinista precipitato dalla cascata di ghiaccio

Nel pomeriggio di domenica 16 febbraio un alpinista di 29 anni è stato trovato esanime ai piedi della cascata di ghiaccio: sarebbe precipitato per almeno 100 metri. Da quanto si apprende i soccorsi hanno dovuto faticare per recuperare il suo corpo. Il 29enne, inoltre, versa in condizioni critiche. L’allarme è scattato in mattinata, intorno alle ore 8, quando alcuni alpinisti hanno notato il giovane esanime a 1800 metri di altezza. Sul posto sono intervenuti immediatamente gli uomini del soccorso alpino con l’eliambulanza. Per primo si è calato il medico, seguito poi dal tecnico di soccorso alpino e da un altro tecnico. Presente sul posto anche l’infermiere dell’equipe. Le condizioni del giovane sono apparse da subito gravissime, mentre rimane da chiarire la dinamica di quanto accaduto. Nonostante le difficoltà nel recupero del corpo del 29enne, l’alpinista di Carmagnola è riuscito a raggiungere l’ospedale con l’elicottero.

Secondo una delle prime ricostruzioni, infine, l’alpinista di 29 anni sarebbe improvvisamente precipitato per oltre 100 metri nella scarpata. Rimangono da chiarire i motivi del tragico incidente. Indagini in corso.