Altari led e tombe col qr code: i cimiteri tech in Giappone

·1 minuto per la lettura
featured 1598993
featured 1598993

Milano, 21 apr. (askanews) – Urne automatizzate, altari led collettivi e tombe col qr code: in Giappone la tecnologia sta trasformando anche i cimiteri.

Sempre più persone abbandonano le vecchie tradizioni per sepoltura e lutto e lasciano le tombe di famiglia per un cimitero moderno. Come Masayo Iusurugi che entra al sesto piano di un elegante edificio di Tokyo, scansiona la sua carta di identità e aspetta che un sistema automatico sistemi nell’altare le ceneri del marito.

“Non sarei in grado di venire a visitarlo così agilmente, divento sempre più vecchia e camminare per me non è facile”, dice spiegando che il cimitero di famiglia sarebbe a due ore di lì.

Una questione di distanze, spazi, anche di famiglie sempre meno numerose, con tanti anziani senza figli spiega il monaco Tomohiro Hirose che cura un cimitero tradizionale con 300 tombe e un altro tech dove va a pregare su un altare collettivo per tutti quelli che non hanno più nessuno che visita le loro tombe. Sulle pareti codici qr code per accedere ai nomi e alle foto dei defunti.

“Questo cimitero moderno è accessibile come posizione, ha prezzi ragionevoli perché può contenere moltissime urne – spiega il monaco – e, cosa più importante, il tempio si prende in carico di occuparsene per sempre”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli