Alto Adige, auto travolge e uccide 6 giovani

webinfo@adnkronos.com

Rischia 18 anni di reclusione l'operaio 27enne di Chienes, in val Pusteria, accusato di omicidio stradale plurimo aggravato dalla guida in stato di ebbrezza. La fa sapere la Procura di Bolzano, spiegando di aver avviato immediatamente le indagini preliminari dopo il grave incidente avvenuto a Lutago che è costato la vita a sei turisti tedeschi.  

Il 27enne, si legge in una nota della procura, è stato arrestato per la violazione dell'art. 589-bis codice penale aggravato dalla guida in stato di ebbrezza e dalla pluralità delle vittime con una pena edittale massima prevista pari ad anni 18 di reclusione, ed attualmente si trova ricoverato presso l'ospedale di Brunico. Non appena possibile verrà trasferito presso la Casa circondariale di Bolzano.  

A quanto fa sapere la procura, questa mattina il pubblico ministero incaricato ha partecipato a un sopralluogo, e, sulla base degli elementi attualmente a disposizione, ha ricostruito la dinamica dell'incidente: le vittime sono tutte scese da un autobus che proveniva da Cadipietra ed era diretto in direzione Sud.  

Il luogo dell'incidente, a Lutago di Sopra, rileva la procura, "era illuminato, con un limite di velocità di 50 km e in prossimità delle strisce pedonali. L'autista del bus si è fermato in un punto della strada indicato come fermata per autobus. Per arrivare al loro albergo le vittime dovevano attraversare la strada e percorrere alcuni passi in direzione nord. L'autovettura proveniva da sud. Allo stato attuale non è del tutto chiaro a quale altezza della carreggiata è stato colpito il primo pedone". 

"Subito dopo l'investimento il guidatore ha perso il controllo della propria autovettura ed è andato a collidere contro un mucchio di detriti sul margine destro della strada". "Sulla base della dinamica finora accertata - prosegue la procura - è da ritenere che l'autovettura procedesse in eccesso di velocità. Verrà valutata un'eventuale perizia per determinare la velocità tenuta dal veicolo. L'autovettura ed il telefono cellulare dell'indagato sono stati sequestrati. Il materiale probatorio verrà analizzato nei prossimi giorni. 

Il guidatore è stato sottoposto ad un test con etilometro. Il test ha dato come esito la presenza di un tasso minimo pari ad 1,97 g/l di alcool nel sangue. Sono stati altresì prelevati campioni di sangue ed urina. 

In mattinata, prosegue la procura, "presso l'ospedale di Bolzano, sono state eseguite le ricognizioni cadaveriche. Le cause di morte sono chiare, pertanto non sarà necessario procedere ad autopsia. Non appena le salme verranno riconosciute dai parenti verrà dato il nulla osta alla sepoltura. Due ulteriori vittime si trovano in grave pericolo di vita". 

Il guidatore attualmente si trova ricoverato presso l'ospedale di Brunico. Non appena possibile verrà trasferito presso la Casa circondariale di Bolzano. 

Nel corso della mattinata di domani la Procura della Repubblica formulerà la richiesta di convalida dell'arresto. L'udienza di convalida si svolgerà presumibilmente nella giornata di martedì o mercoledì.