Alto Adige, ragazza ferita: "Una scena di guerra"

webinfo@adnkronos.com

di Silvia Mancinelli 

"E' stata la notte peggiore della mia vita. Quando quella macchina ha centrato la folla in strada sembrava il terremoto, una scena di guerra. Volavano schegge di vetro, pezzi di carrozzeria. E poi quei corpi a terra: erano ovunque. Io non avevo mai visto dei cadaveri. Le luci delle volanti illuminavano la strada e non si sentivano che sirene, urla disperate". Giovanna, 26 anni romana, è ancora sotto shock dopo l'incidente costato la vita a 6 ragazzi a Lutago, nei pressi di Brunico, lungo la strada statale 621 della valle Aurina.  

All'Adnkronos racconta, assistita dagli avvocati Giuseppe Urgesi e Samantha Faiella dell'Associazione Giustitalia, quella strada di morte e sangue dove pochi istanti prima si rideva spensierati. Lei, che è stata ferita a una gamba da una delle schegge impazzite volate in aria come proiettili, ai suoi legali ha parlato di una cifra "sottostimata" di persone coinvolte nell'incidente.