Altra corte Germania boccia le leggi su clima: violano diritti giovani

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 29 apr. (askanews) - Le leggi tedesche sul cambiamento climatico sono "insufficienti" e violano le libertà fondamentali imponendo ai giovani l'onere di ridurre le emissioni di CO2, ha stabilito la corte costituzionale tedesca con una storica sentenza.

La corte ha affermato che la legge non ha fornito dettagli sufficienti sulla riduzione delle emissioni di CO2 dopo la fine degli attuali obiettivi nel 2030.

"Le disposizioni scaricano in modo irreversibile i maggiori oneri di riduzione delle emissioni su periodi successivi al 2030", penalizzando le giovani generazioniha affermato la corte.

Il governo dovrà ora rivedere la legge entro la fine del prossimo anno.

La decisione arriva una settimana dopo che l'UE ha svelato nuovi ambiziosi obiettivi sul cambiamento climatico.

Secondo la legge, che è stata concordata tra gli Stati membri e il Parlamento europeo, il blocco ridurrà le emissioni di carbonio di almeno il 55% entro il 2030, rispetto ai livelli del 1990.

Come la legislazione dell'UE, anche la legge tedesca sul cambiamento climatico prevede una riduzione del 55% dei gas a effetto serra entro il 2030.

La legge del 2019 è stata concordata come parte della risposta della Germania all'accordo sul clima di Parigi del 2016, che mira a mantenere l'aumento della temperatura globale ben al di sotto dei 2 ° C - e preferibilmente a 1,5 ° C - per prevenire i peggiori effetti del cambiamento climatico.

Ma la Corte costituzionale tedesca ha affermato giovedì che le attuali misure "violano le libertà dei denuncianti, alcuni dei quali sono ancora molto giovani" perché ritardano troppo l'azione necessaria per raggiungere gli obiettivi di Parigi fino a dopo il 2030.

"Per raggiungere questo obiettivo, le riduzioni ancora necessarie dopo il 2030 dovranno essere raggiunte con maggiore urgenza e con breve preavviso", si legge in una nota.

Se la Germania dovesse esaurire la maggior parte delle sue emissioni di CO2 consentite entro questo periodo, le generazioni future potrebbero affrontare una "grave perdita di libertà".

"Praticamente qualsiasi libertà è potenzialmente influenzata da questi futuri obblighi di riduzione delle emissioni, perché quasi tutte le aree della vita umana sono ancora associate all'emissione di gas serra e sono quindi minacciate da drastiche restrizioni dopo il 2030", ha detto la corte.

La sentenza di giovedì ha parzialmente accolto le denunce presentate dagli attivisti per il cambiamento climatico. migliaia di lavoratori colpiti.