Altre centinaia di corpi trovati tra le macerie di Mariupol

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 9 giu. (askanews) - Man mano che procedono i lavori di sistemazione centinaia di corpi vengono trovati tra le macerie degli edifici distrutti a Mariupol, secondo un consigliere del sindaco della città ma i russi, ormai, hanno rinunciato a cercare i cadaveri per dargli sepoltura.

Petro Andryushchenko ha parlato su Telegram di una "carovana della morte senza fine" nella città portuale occupata, dove tra i 50 e i 100 corpi per condominio vengono recuperati da sotto le macerie e trasportati negli obitori o - a seconda dello stato in cui si trovano i corpi - in discarica.

Nel post, pubblicato ieri, ha affermato che i detriti di circa due quinti degli edifici sono stati finora perquisiti dalle forze di occupazione.

Il mese scorso, il capo dell'autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk ha affermato che il 60% degli edifici di Mariupol era stato distrutto, e il 20% non poteva essere ricostruito.

Ma in un post di questa mattina, Andryushchenko afferma che le ricerche nel distretto della riva sinistra si sono fermate: "Gli occupanti sono finalmente passati alla pratica di demolire le case e rifiutarsi di cercare i corpi delle persone uccise sotto le macerie". In pratica, conclude, non si saprà mai quanti residenti di Mariupol sono morti e sono ancora sotto le macerie.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli