Roma, in fiamme altro locale dopo 'Pecora Elettrica'

webinfo@adnkronos.com

Altro locale in fiamme a Centocelle, già teatro nei giorni scorsi del rogo alla libreria antifascista 'La Pecora elettrica'. Nella notte, più precisamente verso le 4.30 di questa mattina, i Vigili del Fuoco sono intervenuti in via dei Ciclamini per spegnere le fiamme divampate all'interno del Baraka Bistrot. Lo stabile è stato evacuato ma non è stato riscontrato alcun danno strutturale all'edificio. Sulle cause sono in corso accertamenti da parte dei Carabinieri di Centocelle. 

''Ho chiuso il locale alle tre meno un quarto e sono andato a casa. Alle 4.20 mi chiamano quelli del sistema di allarme, dicendomi che sentono dei rumori. Mi precipito in macchina al locale e quando arrivo vedo la serranda alzata da terra, la porta aperta e fuoco dappertutto. In un paio di minuti poi sono arrivati tutti, vigili del fuoco, carabinieri. E' tutto distrutto'', racconta all'Adnkronos il proprietario del Baraka Bistrot.  

''Abbiamo aperto da pochi mesi, a settembre. Non me lo spiego. Io sono neutro, non sono schierato, non do fastidio a nessuno. Certo abbiamo espresso solidarietà alla 'Pecora elettrica', sta vicino a noi, ma proprio non riesco a capire. Di sicuro quando sono arrivato la strada era deserta, la serranda era strappata da terra, di sicuro non può essersi alzata da sola''.  

E’ attesa nelle prossime ore in Procura l’informativa dei carabinieri sull’incendio. Lunedì, quando arriveranno gli atti, i magistrati di piazzale Clodio apriranno un fascicolo.  

RAGGI - "Roma è con il Baraka Bistrot e tutte le realtà che producono cultura e aggregazione a Centocelle. Questa notte un altro rogo inquietante, a pochi metri dalla pecora elettrica: Roma Capitale è con voi. Non dobbiamo abbassare lo sguardo di fronte a questi atti, avanti a #atestaalta''. Così in un tweet la sindaca di Roma, Virginia Raggi.  

ZINGARETTI - "Centocelle questa notte ha subito il quarto rogo di un esercizio commerciale in pochi mesi. E’ evidente che questi delinquenti stanno tentando di far morire un quartiere vivo e vitale. Come Regione intensificheremo le misure per la sicurezza urbana e faremo tutto ciò che in nostro potere per aiutare i gestori di questi locali ed evitare che fatti del genere possano ripetersi''. Lo dichiara in una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. ''Per questo presenteremo un pacchetto di provvedimenti a sostegno di imprenditori colpiti da atti intimidatori e di violenza e porteremo con forza alla riunione del comitato per l’ordine e sicurezza prevista per la prossima settimana l’emergenza di Centocelle''.  

''Ora è necessaria una risposta forte e chiara da parte di tutte le Istituzioni perché accettare passivamente questa situazione vuol dire cedere il territorio alla criminalità e gli abitanti di Roma e di Centocelle non lo meritano”.