Altro scivolone per Djokovic: sostiene di essersi contagiato il 16 dicembre ma il 17 era in giro

·2 minuto per la lettura
A billboard depicting Serbian tennis player Novak Djokovic on a building in Belgrade, Serbia, Thursday, Jan. 6, 2022. The Australian government has denied No. 1-ranked Novak Djokovic entry to defend his title in the year's first tennis major and canceled his visa because he failed to meet the requirements for an exemption to the country's COVID-19 vaccination rules. (AP Photo/Darko Vojinovic) (Photo: via Associated Press)
A billboard depicting Serbian tennis player Novak Djokovic on a building in Belgrade, Serbia, Thursday, Jan. 6, 2022. The Australian government has denied No. 1-ranked Novak Djokovic entry to defend his title in the year's first tennis major and canceled his visa because he failed to meet the requirements for an exemption to the country's COVID-19 vaccination rules. (AP Photo/Darko Vojinovic) (Photo: via Associated Press)

Altra brutta scivolata per Novak Djokovic. I suoi avvocati hanno ricostruito i motivi per cui ha incassato l’esenzione dal vaccino per giocare gli Australian Open: avrebbe avuto il Covid il 16 dicembre scorso. Peccato però per il campione serbo che ci sono foto non proprio coincidenti con la sua tesi: ha infatti partecipato a una cerimonia a Belgrado il giorno dopo, il 17 dicembre, senza mascherina, in onore dei giovani giocatori serbi, come mostra uno dei social network della federazione di tennis di Belgrado.

La federazione serba infatti ha annunciato in quei giorni sulla sua pagina Facebook che “il miglior tennista del pianeta” e “detentore di 20 titoli del Grande Slam” ha consegnato le coppe e i diplomi ai giovani giocatori. “A causa delle misure sanitarie legate alla pandemia, solo i bambini che hanno ricevuto i premi hanno partecipato alla presentazione delle coppe, che ha avuto luogo nel centro di tennis Novak” a Belgrado. Molti post dei bambini che erano lì lo ritraggono senza mascherina.

Novak Djokovic senza mascherina alla cerimonia di Belgrado. 17 dicembre 2021. (Photo: Instagram)
Novak Djokovic senza mascherina alla cerimonia di Belgrado. 17 dicembre 2021. (Photo: Instagram)

La pubblicazione contiene diverse foto di Djokovic in posa con funzionari della federazione e circa venti adolescenti, tutti senza mascherina. “Il presidente della Federazione di tennis di Belgrado Milan Slavkovic ha presentato Novak Djokovic come un’icona di generosità che dimostra ogni giorno in tutto il mondo, per tutti i suoi successi nel tennis e nello sport in generale”, continua il testo del post. La maggior parte dei media serbi ha riportato la cerimonia il 17 dicembre.

Djokovic ha anche partecipato a un altro evento pubblico il giorno prima - il giorno in cui è risultato positivo - quando l’ufficio postale serbo ha presentato un francobollo tributo in sua somiglianza. Ha postato una foto su Instagram.

Djokovic si è recato in Australia a metà settimana dopo aver ottenuto un’esenzione medica dal requisito di vaccinazione per competere nell’Australian Open, il primo Grande Slam della stagione, ma il suo visto è stato annullato all’arrivo e da allora è stato tenuto in un centro di detenzione a Melbourne in attesa di una revisione del suo appello lunedì mattina. L’Australian Open 2022 è un’occasione storica per il numero uno del mondo, che è in gara per uno storico 21° titolo del Grande Slam per superare i suoi due rivali storici, Roger Federer e Rafael Nadal.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli