Alyssa Milano: "Non ero attrezzata per fare la madre, così ho abortito due volte"

HuffPost

“Sapevo di non essere attrezzata per fare la madre, quindi ho scelto di abortire per due volte”, a confessarlo è Alyssa Milano, attrice divenuta celebre per la sua interpretazione nella serie tv “Streghe”. Lo riporta People.

L’artista 46enne, durante l’ultima puntata del suo podcast “Alyssa Milano: Sorry Not Sorry”, ha dichiarato di aver voluto interrompere due gravidanze più di 25 anni fa. Era il 1993 e la Milano era ventenne: ”È stata una mia scelta. Ed è stata assolutamente giusta per me. Non è stato facile. Non era ciò che volevo, ma era qualcosa di cui avevo bisogno, come accade per la maggior parte delle cure sanitarie”.

Oggi Alyssa Milano è madre di due figli (Elizabella di 4 anni e Milo di 7), nati dall’amore col marito Dave Bugliari. Ai tempi dei due aborti, l’attrice intratteneva una relazione stabile e usava precauzioni, al contempo era in cura per l’acne e assumeva medicinali che potevano causare malformazioni al feto. Nonostante i contraccettivi, l’allora giovane artista rimase incinta.

“Rimanere incinta è stato devastante. Sono cresciuta come cattolica e mi sono ritrovata improvvisamente in conflitto con la mia fede: cominciavo a capire che consentiva solo agli uomini di prendere ogni singola decisione su ciò che era permesso e su ciò che invece non lo era. Davanti a me c’era una potenziale carriera e un potenziale futuro. Soffrivo anche d’ansia”, ha detto l’attrice.

Dopo la prima gravidanza interrotta, la Milano si trovò ad affrontare un secondo aborto. Una scelta di cui, col senno di poi, dice: “Se non avessi deciso così non avrei avuto i miei figli, i miei figli belli, perfetti, amorevoli, gentili e curiosi che hanno avuto una madre realmente pronta ad accoglierli. Non avrei avuto la mia carriera. Non avrei avuto la capacità o gli strumenti che oggi ho per combattere contro i pregiudizi. Non avrei incontrato il mio fantastico marito”.

“La mia esistenza sarebbe completamente priva di tutte le...

Continua a leggere su HuffPost