Alzheimer, siglato accordo tra Regione Toscana, Aima e Anci

Xfi

Firenze, 18 set. (askanews) - Costruire una comunità solidale, che abbia maggior consapevolezza nei confronti della malattia di Alzheimer. Una comunità in cui le persone con demenza e i loro familiari si sentano meno soli e più sostenuti. Per ridurre lo stigma della malattia e migliorare la qualità di vita di pazienti e famiglie. E' questo il senso dell'accordo siglato stamani tra Regione Toscana, Aima (Associazione italiana malattia di Alzheimer) Firenze, e Anci (Associazione nazionale Comuni italiani) Toscana. A firmare, l'assessore al diritto alla salute e al sociale Stefania Saccardi, per Aima Firenze il presidente Manlio Matera, per Anci Toscana il presidente Matteo Biffoni. Subito dopo, i firmatari hanno illustrato ai giornalisti i contenuti dell'accordo.

"Siamo molto contenti di fare questo accordo - ha detto Stefania Saccardi - Con Aima abbiamo da anni una collaborazione molto stretta, sono nostri partner in molte iniziative. E anche la presenza dell'Anci è importante: il tema delle demenze è sanitario, ma anche sociale. Si tratta di una malattia purtroppo in crescita, che mette le famiglie in gravi difficoltà, e la risposta da parte delle istituzioni è essenziale. Come Regione abbiamo fatto un bando di 200.000 euro per progetti sperimentali come il Caffè Alzheimer, e un altro bando che intercetta 5 milioni di euro per dare sostegno domiciliare: garantiamo fino a 4.000 euro di sostegno alle famiglie in servizi".