Amadeus a Sanremo 2020, Fiorello: “Felice per lui, un po’ meno per me”

Amadeus a Sanremo 2020

Amadeus a Sanremo 2020: dopo le voci delle ultime settimane, la Rai ha svelato il nome del prossimo conduttore del Festival. Dopo le due edizioni capitanate da Claudio Baglioni, si è insistentemente parlato di Alessandro Cattelan. Quest’ultima ipotesi è poi tramontata a favore di Amadeus, molto apprezzato da amici e colleghi del mondo dello spettacolo. Tra loro Fiorello, che in queste ultime settimane si è fortemente sbilanciato affinché la scelta ricadesse sullo storico amico e attuale conduttore Rai. Amadeus ha così raggiunto un nuovo importante traguardo nella sua carriera. E lo stesso Fiorello, insieme a Jovanotti e molti altri, potrebbe nuovamente salire sul palco dell’Ariston come ospite. Intanto, il grande amico di Amadeus commenta la decisione della Rai.

Amadeus a Sanremo 2020

Amadeus a Sanremo 2020, le parole di Fiorello

Tanti i messaggi di affetto, sostengo e congratulazioni inviate ad Amadeus dopo la decisione resa nota nelle ultimissime ore. Fiorello, suo storico amico dai tempi della radio, ha scritto su Twitter: “Che dire?!? Felicissimo per Amadues, un po’ meno per me!“. Quindi ha menzionato RaiPlay e SanremoRai, aggiungendo: “Ansia doppia. Non ce la posso fare.. AIUTOOOO”. In molti intanto si aspettano un Festival all’insegna dell’allegria e della spensieratezza. Soprattutto se sul palco si esibirà il duo Amadeus-Fiorello.

Amadeus a Sanremo 2020

Parole di grande contentezza quelle pronunciate dal conduttore de “I soliti ignoti”. Dopo l’annuncio che lo vede protagonista, ha commentato: “Ho avuto la notizia che uno aspetta da una vita quando fa il presentatore. Il sogno, sin da quando si è ragazzi, è quello di poter condurre da grande il Festival di Sanremo. Ora è arrivata questa notizia. Sono felicissimo e ringrazio innanzitutto la Rai, l’amministratore delegato Fabrizio Salini, il mio direttore Teresa De Santis e tutti quanti coloro che hanno voluto fortemente che fossi io a condurre il prossimo Festival. Dopo qualche breve giorno di vacanza ci metteremo subito a lavoro perché, non dimentichiamo, sarà la settantesima edizione e quindi è un numero importante. Sarà il Sanremo di tutti quanti“.