Amanda: "Processo in tribunale non davanti opinione pubblica"

webinfo@adnkronos.com
"Molti mi stanno chiedendo di questo caso. Tutto quello che posso dire è: sospendo ogni giudizio. Il processo dovrebbe svolgersi in un tribunale, non davanti al tribunale dell'opinione pubblica". Lo afferma in un tweet Amanda Knox, l'americana condannata insieme a Raffaele Sollecito e poi assolta definitivamente per l'omicidio di Meredith Kercher, postando la foto di un articolo di stampa italiana sul vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, ucciso a Roma, sul fermo dei due ragazzi americani e sulla confessione di uno dei due indagati. "In ogni caso - osserva Amanda - è una tragedia, il mio cuore è vicino alla famiglia della vittima".

"Molti mi stanno chiedendo di questo caso. Tutto quello che posso dire è: sospendo ogni giudizio. Il processo dovrebbe svolgersi in un tribunale, non davanti al tribunale dell'opinione pubblica". Lo afferma in un tweet Amanda Knox, l'americana condannata insieme a Raffaele Sollecito e poi assolta definitivamente per l'omicidio di Meredith Kercher, postando la foto di un articolo di stampa italiana sul vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, ucciso a Roma, sul fermo dei due ragazzi americani e sulla confessione di uno dei due indagati. "In ogni caso - osserva Amanda - è una tragedia, il mio cuore è vicino alla famiglia della vittima".