Amazon e Ferragamo intentano due cause congiunte contro vendita di falsi

·1 minuto per la lettura
Store di Salvatore Ferragamo a Zurigo

(Reuters) - Amazon e Salvatore Ferragamo hanno intentato due cause congiunte negli Stati Uniti contro quattro persone fisiche e tre aziende con l'accusa di vendere prodotti contraffatti del marchio italiano sullo store Amazon.

Cinque imputati su sette avrebbero sede in Cina, gli altri due potrebbero trovarsi in Cina, Carolina del Nord o California, si legge nei documenti del tribunale, secondo cui ci sarebbero anche altri responsabili dall'identità al momento sconosciuta.

L'anno scorso Amazon ha rafforzato i piani di contrasto alla contraffazione lanciando una divisione ad hoc, la Counterfeit Crimes Unit, per proteggere i clienti e i marchi da frodi e abusi e ha già intentato una serie di azioni legali congiunte con marchi quali Valentino, KF Beauty, JL Childress e Yeti.

Secondo il gigante del web e Ferragamo, gli imputati hanno violato la legge, le politiche di Amazon e i diritti di proprietà intellettuale del marchio fiorentino.

"L'azione congiunta con Amazon sottolinea come per Ferragamo la protezione della proprietà intellettuale sia prioritaria e come l'azienda porti avanti la lotta alla contraffazione con grande consapevolezza e decisione", dice in una nota l'AD del gruppo del lusso Micaela le Divelec.

La causa è stata presentata presso il Tribunale del distretto occidentale di Washington.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Claudia Cristoferi, luca.fratangelo@thomsonreuters.com)