Amazon, no a sindacato in testa in Alabama, ma circa 500 voti contestati

·2 minuto per la lettura
Striscioni presso il magazzino Amazon di Bessemer in Alabama

(Reuters) - All'incirca 500 voti inviati nel corso della storica votazione sindacale in Amazon sono stati contestati, secondo alcune persone a conoscenza della vicenda, in una sfida che determinerà se uno stabilimento in Alabama diventerà la prima sede sindacalizzata del gigante del web.

Con metà dei circa 3.200 voti già scrutinati, la votazione al momento sembra andare nella direzione di un no alla sindacalizzazione con un margine di oltre 2 a 1.

I voti contestati potrebbero diventare significativi qualora il divario si riducesse con il conteggio di quelli rimanenti. L'agenzia governativa National Labor Relations Board deciderà riguardo ai voti contestati, se necessario per determinare l'esito della votazione.

I rappresentanti di Amazon e del sindacato Rwdsu hanno contestato i voti nel corso del processo di votazione che è durato oltre una settimana, e prima che i funzionari del governo Usa avviassero lo scrutinio pubblico.

Le contestazioni sono state portate avanti in base a sospetti di alterazione delle schede, di non idoneità di un elettore e ad altre problematiche.

Non è chiaro quanti voti siano stati contestati da ciascuna delle parti. Il sindacato ha affermato mercoledì che centinaia di voti erano stati contestati, prevalentemente da Amazon. L'azienda non ha commentato l'affermazione.

Su 3.215 voti ricevuti, al momento 1.100 lavoratori si sono pronunciati contro la creazione di un sindacato nello stabilimento di Bessemer in Alabama contro 463 a favore. Le operazioni di conteggio riprenderanno oggi alle 15,30 ora italiana.

La creazione di un sindacato in Amazon, la seconda più grande azienda per numero di lavoratori negli Usa, è uno degli obiettivi del movimento sindacale statunitense, che mira ad invertire l'emorragia di iscritti.

I lavoratori Usa iscritti al sindacato nel 2020 erano appena l'11% della forza lavoro, in contrasto con il 20% del 1983, secondo il Bureau of Labor Statistics.

(Tradotto da Luca Fratangelo a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)