Amber Heard è "assolutamente" incapace di pagare il risarcimento a Depp

AGI - Amber Heard è "assolutamente" incapace di pagare i 10,4 milioni di dollari in risarcimento per diffamazione che è stata condannata a pagare all'ex marito Johnny Depp. Lo ha dichiarato a Nbc la legale di Heard, Elaine Bredehoft, annunciando che la sua assistita ricorrerà in appello.

Ieri il verdetto dei giudici. La star di Hollywood aveva incolpato l'ex moglie di avergli distrutto la carriera e la reputazione con un editoriale sul Washington Post uscito nel dicembre 2018 in cui lo accusava di violenza domestica.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: "Johnny Johnny!": i fan esultano per la vittoria legale del "Pirata dei Caraibi"

Heard è stata condannata a pagare poco più di 10 milioni di dollari. Depp, a sua volta, dovrà comunque procedere al pagamento di 2 milioni di dollari perché ha perso in uno dei tre punti che gli venivano contestati. Della cifra totale comminata alla ex compagna, 10 sono a titolo di risarcimento danni e 5 sono danni "punitivi". Questi ultimi sono stati poi ridotti a a 350.000 dollari, il massimo previsto dalla legge nello stato della Virginia.

L'interprete di Pirati dei Caraibi ha citato in giudizio Heard per diffamazione chiedendo 50 milioni di dollari per il titolo di questo articolo del 2018 nel quale non compare comunque il nome di Depp. Ma l'attore ha sostenuto che quelle parole gli sono costate ruoli per cui sarebbe stato pagato milioni.

In seguito alla citazione in giudizio, Heard, attrice e modella, ha contrattaccato chiedendo 100 milioni per le dichiarazioni che l'avvocato di Depp ha fatto sulle sue affermazioni di abuso. Heard e Depp sono stati sposati dal 2015 al 2017. Il processo per diffamazione è in corso da aprile e i giurati hanno ascoltato in tutto oltre 100 ore di testimonianza. Hanno sentito decine di testimoni, inclusa la testimonianza dal vivo di Depp e Heard.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli