Ambiente, Confagricoltura: agricoltori garanti biodiversit

Red

Roma, 5 giu. (askanews) - "Facciamo nostro il monito del Presidente Mattarella che 'la ricchezza della diversit biologica per le nostre societ fonte di resilienza'. Ricordiamo che l'Italia vanta un ricco patrimonio di biodiversit e gli agricoltori, con il loro lavoro, sono i principali garanti delle risorse naturali". Lo sottolinea il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti nell'odierna Giornata Mondiale dell'Ambiente, istituita dalle Nazioni Unite, e che quest' anno stata incentrata sui temi della biodiversit, con lo slogan "E' il momento della Natura".

Il nuovo "Annuario dei dati ambientali" di Ispra pone in evidenza che l'Italia tra i Paesi europei pi ricchi di biodiversit e con livelli elevati di endemismo (specie esclusive del nostro territorio) - osserva Confagricoltura -. Dal rapporto emerge pure l'implementazione della rete Natura 2000 che senz'altro rappresenta un significativo contributo alla tutela della biodiversit.

In queste aree del nostro territorio - oltre 9 milioni di ettari, pari a circa il 30% della superficie nazionale - operano tantissimi agricoltori che, con le loro attivit economiche perfettamente inserite in questi contesti, con il loro impegno quotidiano, contribuiscono alla conservazione e valorizzazione della biodiversit. "Preservare il patrimonio naturale significa gestirlo in modo lungimirante e non passivo - conclude il presidente di Confagricoltura Giansanti - Quindi occorrono politiche agricole, a livello europeo e nazionale, che favoriscano pratiche sostenibili e compatibili con la tutela della biodiversit, ma che al contempo garantiscano anche stabilit di mercato e giusta remunerazione di tutte le fasi della filiera. In questa direzione ci possono aiutare la ricerca e l'innovazione tecnologica applicate ad un'agricoltura moderna e competitiva, che migliori le performance e valorizzi l'ambiente, a vantaggio di tutta la comunit".