Ambiente, in Europa cambiamento clima influenza le alluvioni -3-

Red/Lcp

Roma, 29 ago. (askanews) - Per quanto riguarda la situazione italiana, lo studio evidenzia come l'entità delle alluvioni dei corsi d'acqua di dimensione medio-grande, fatta eccezione per l'arco alpino, si sia in media ridotta negli ultimi 50 anni, coerentemente con quanto è accaduto in tutti i paesi del Mediterraneo.

La frequenza con cui si verificano piene estreme dei grandi corsi d'acqua italiani sembra quindi generalmente diminuita. Occorre evidenziare tuttavia come, per mancanza di osservazioni disponibili, questa tendenza non sia accertata sui corsi d'acqua di ridotte dimensioni e sui tratti urbani dei corsi d'acqua, ovvero quelli che hanno creato i disastri recenti nel nostro Paese. Per questi ultimi, sensibili a piogge intense di breve durata, ci si aspetta un quadro decisamente più complesso del rischio alluvionale a causa dei trend degli eventi temporaleschi recentemente evidenziati dal Politecnico di Torino.

Molto rimane da fare per migliorare il monitoraggio e la conoscenza dei bacini di ridotte dimensioni, indispensabili per definire un quadro chiaro delle condizioni di rischio alluvionale sul territorio italiano.