Ambiente, Pd: dalla Ue la giusta spinta per il Green Deal

Pol/Luc

Roma, 14 gen. (askanews) - "Oggi in Europa si compie il primo passo per la costruzione del Green Deal: il Fondo per la transizione giusta per costruire l'uscita dalla dipendenza dal carbone tutelando i posti di lavoro e sostenendo le aziende per la loro ristrutturazione in chiave ecologica. Ed è importantissimo che una parte di questi fondi, oltre 4 miliardi, andrà all'Italia, per sostenere territori, settori e aziende - a partire dall'Ilva - impegnate in una transizione ambiziosa". Così la deputata Chiara Braga della segreteria nazionale del Partito Democratico.

"Dall'Europa - prosegue - arriva una forte spinta con un programma che assume la dimensione della sostenibilità dello sviluppo, caratterizzata da visione di lungo periodo e nello stesso tempo da scelte concrete di priorità di investimenti e di orientamento delle politiche. Non può esserci un'idea convincente e vincente di sviluppo senza la consapevolezza che proprio dalla sua sostenibilità, ambientale ma anche sociale, economica, finanziaria, passa la capacità di aggredire e ridurre le disuguaglianze che attraversano la nostra società: tra generazioni, fasce sociali, territori, tra nord e sud, tra centro e periferie, tra città e aree marginali. Questo tema è finalmente entrato a pieno titolo nella identità del nostro Partito, come è emerso anche dalla discussione di questi giorni nel Seminario del Pd a Rieti. Su questi temi vogliamo rilanciare e accelerare l'azione del Governo e costruire una prospettiva politica che allarghi il campo a tutte le forze della politica e della società convinte della necessità di costruire un nuovo modello di sviluppo davvero sostenibile".