Ambrogino d’Oro 2019: premio alla memoria a Borrelli e Penati

Ambrogino d'Oro 2019

Nella serata di lunedì 18 dicembre 2019 la Commissione per la Concessione delle Civiche Benemerenze del Comune di Milano ha reso noti i nomi di coloro che riceveranno l’Ambrogino d’Oro.

Ambrogino d’Oro 2019: l’elenco dei premiati

Sono 41 i nomi indicati insigniti del prestigioso riconoscimento milanese. La cerimonia si terrà al Teatro Dal Verme il prossimo 7 dicembre, come ogni anno, nel giorno di Sant’Ambrogio. Tra le onorificenze conferite, in particolare, figurano 6 Medaglie d’Oro alla Memoria, 15 Medaglie d’Oro e 20 Attestati di Civica Benemerenza.

Gli insigniti alla Memoria saranno Francesco Saverio Borrelli, Filippo Penati, Giorgio Squinzi, don Luigi Melesi, Eugenio Fumagalli e Carla Casiraghi. Per quanto riguarda le 15 Medaglie d’Oro, invece, i candidati selezionati sono Stefano Achermann, Simone Barlaam, Maria Cristina Mariani Dameno, Vinicio Capossela, Lella Costa, Mario Ferrari, Ricky Gianco, Laura Giuliani, Emilio Isgrò, Claudio Luti, Francesco Malerba, Sonia Peronaci, Mogol, Antonio Scurati e Sultana Razon.

Da segnalare l’assenza di Mahmood, il cui nome era circolato nelle scorse settimane. Gli Attestati di Civica Benemerenza sono invece assegnati a una serie di associazioni, istituzioni e centri assistenziali. Ma anche a uomini come Mouhib Abdelilah, Nino Lo Bianco e Igino Domanin.

Ambrogino d’Oro: cos’è?

Ogni anno il Comune di Milano esprime la sua gratitudine a chi ha dedicato una parte della propria vita al bene della città. Uomini, donne, associazioni e organizzazioni ricevono il riconoscimento il 7 dicembre, giorno di Sant’Ambrogio.

“Ambrogino d’Oro” non è il nome ufficiale: è il modo con cui vengono chiamate le onorificenze conferite dal Comune di Milano, ispirato al patrono della città. Ogni anno i candidati ricevono fino a un massimo di 30 medaglie d’oro e 40 attestati di benemerenza.