Ambrogio, libero per la rivoluzione degli inermi

·1 minuto per la lettura
Ambrogio Crespi (Photo: Ansa)
Ambrogio Crespi (Photo: Ansa)

(A cura di Luigi Crespi, Antonio Coniglio e Sabrina Renna)

In principio, fu il sole a ruotare intorno alla terra. Poi arrivò Copernico e Galileo disse: “e pur si muove”. Invero, la terra ha sempre ruotato intorno a sole. Bisognava solo che arrivasse qualcuno a scoprire un dato certo. Un po’ come è avvenuto sulla pena di Ambrogio. La Costituzione ha sempre affermato che non esiste pena al di fuori della rieducazione, ma è dovuto arrivare il Tribunale di Sorveglianza di Milano per offrire una lezione di diritto costituzionale a questo paese, consegnare un’affermazione positiva apodittica all’evidenza. Ambrogio Crespi è tornato a casa, nelle more che il Presidente Mattarella si pronunci sull’istanza di grazia. Dietro questo provvedimento di scarcerazione, avvenuto con il parere favorevole della Procura, c’è il senso della battaglia politica di questi mesi. Di Nessuno tocchi Caino, del comitato per Ambrogio Crespi, degli avvocati e di tutti coloro che si sono ritrovati, non solo umanamente ma nella lotta civile, intorno a un uomo condannato ingiustamente. La pena deve essere rieducazione e non ha senso per colui che si è fatto carico di aiutare gli altri a riabilitarsi; la restrizione della libertà è inconcepibile per persone non pericolose: la potestà dello stato mai può incrociare la retribuzione. Sono concetti che partono da Ambrogio ma vanno oltre Ambrogio. Ciò è avvenuto mentre il ministro Cartabia si reca a Ventotene, ove vennero confinati Spinelli, Rossi, Colorni, e fa riflettere il mondo sul fatto che non può esistere una detenzione immotivata e senza speranza. È un momento di crisi e crisi etimologicamente significa occasione, anelito di rigenerazione. Ci sono tutte le condizioni, partendo dal singolo caso Crespi, per una rifondazione del sistema penale e penitenziario del nostro paese. Una giustizia non più ispirata...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli