Ambulanti (Azione Lombardia): frustrazione comprensibile

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 7 apr. (askanews) - La ultime manifestazioni di ambulanti, ristoratori ed esercenti sono il segno di una "frustrazione comprensibile a cui deve seguire una coraggiosa risposta politica. Stiamo parlando di famiglie intere che da un anno soffrono una doppia crisi, quella sanitaria e quella economica, soprattutto a Bergamo, Brescia e Milano dove tutto è arrivato 'prima'". Lo afferma in una nota Niccolò Carretta, consigliere regionale lombardo di Azione, secondo cui "è il momento, per la politica, di saper leggere la situazione e proporre aiuti concreti non per il sostentamento del quotidiano, ma per una vera e propria ripartenza affinché possa voler dire 'resistere' per chi è sull'orlo del precipizio, ma anche 'rilancio' per chi ne avrà le possibilità.

"Concordo con Carlo Calenda, il leader del partito di cui faccio parte - aggiunge Carretta - le manifestazioni di questi giorni rappresentano la voce più in difficoltà del paese, non solo fascisti, estremisti o evasori come purtroppo molta della classe dirigente pensa. C'è bisogno di fissare una data per le riaperture e Azione, compatibilmente con il piano vaccinale, propone il 15 maggio spingendo affinché le banche allunghino i mutui garantiti dallo Stato, una proposta concreta e utile che troverebbe il favore anche di Bankitalia e ABI".