Amendola: porre fine a dumping fiscale stati membri Ue

·1 minuto per la lettura

Roma, 29 lug. (askanews) - L'accordo Ue sul Recovery Fund muta "il quadro di sistema" per le regole del mercato unico. L'ha affermato il ministro per gli Affari europei Vincenzo Amendola rispondendo oggi a un question time alla Camera, precisando che l'obiettivo è ora "porre fine a comportamenti opportunistici" di alcuni Stati membri che applicano il "dumping fiscale". "Questo accordo muta anche il quadro di riferimento per le nuove regole de mercato ed è indispensabile (...) per noi, dopo gli accordi del 21 luglio, porre fini agli atteggiamenti opportunitistici di alcuni Stati membri che applicano regime di favore con aliquote significativamente più basse di quelle medie vigenti all'interno dell'Unione, innescando una concorrenza fiscale all'interno dell'Unione stessa", ha affermato il ministro, ricordando che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, durante il Consiglio europeo del 21 luglio, ha "sollevato ufficialmente il tema della concorrenza nel mercato unico". (Segue)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli