Amendola: su Brexit "prepariamoci a qualsiasi scenario" -3-

Mos

Roma, 25 set. (askanews) - Amendola ha annunciato il che il prossimo 7 ottobre si recherà a Londra per incontrare i rappresentanti della comunità italiana nel Regno Unito e delle imprese italiane che operano in Gran Bretagna. "In spirito di amicizia e reciprocità con il Regno Unito, l'Italia ha adottato, sempre con il Decreto Legge Brexit, misure legislative per garantire che i cittadini britannici residenti in Italia, alla data di uscita senza accordo, avranno riconosciuti i requisiti per chiedere e ottenere lo status di soggiornante di lungo periodo disciplinato dalla Direttiva 2003/109/CE, con un periodo transitorio durante il quale chi è iscritto in anagrafe prima della data di recesso avrà tempo di chiedere il nuovo titolo di soggiorno fino al 31 dicembre 2020. Con questo sistema i cittadini britannici potranno godere di diritti quali l'accesso a cure mediche, occupazione, istruzione, prestazioni sociali e ricongiungimento familiare".

Ma la "via maestra" per "garantire i diritti acquisiti dei cittadini in caso di Brexit sia l'Accordo di recesso, che prevede adeguate garanzie giuridiche, un sistema di risoluzione delle controversie e un periodo di transizione al 31 dicembre 2020. Soltanto una ratifica nel suo complesso garantirà una protezione in concreto e durevole nel tempo dei diritti dei cittadini"