## America Latina teme disastro Covid-19: scattano chiusure e quarantena -3-

Coa

Roma, 16 mar. (askanews) - Non meno preoccupazione desta la situazione in Perù e in Ecuador. Le autorità di Lima hanno annunciato 71 casi di contagio del Covid-19, ma temono fortemente una crisi nele prossime ore. Per questo, il presidente Martin Vizcarra ha annunciato la quarantena obbligatoria e la chiusura delle frontiere per i prossimi 15 giorni. Le forze armate e di polizia sorveglieranno sul rispetto delle regole che limitano le libertà individuali: "non risparmieremo alcuno sforzo perché la salute è il bene più prezioso che abbiamo", ha detto il capo dello Stato in conferenza stampa, nelle stesse ore in cui il suo collega ecuadoriano, Lenin Moreno, decideva di chiudere il Paese a tutti i voli internazionali e agli arrivi via terra e via mare.

Tanto più che in Ecuador, dove si registra un bilancio di 37 contagi e due vittime, la crisi sanitaria si aggiunge alle tensioni legate al prezzo del petrolio, che hanno già spinto Moreno a varare una serie di misure di austerity: secondo quanto si legge sulla stampa locale, si tratta in particolare del taglio alla spesa di circa 1 miliardo e 400 milioni di dollari, dello scioglimento di alcune società pubbliche e dell'accorpamento di alcuni ministeri.

In Paraguay, invece, al momento si registrano solo sei casi. Ma le autorità locali hanno già preso provvedimenti analoghi a quelli assunti da molte amministrazioni del continente sudamericano e del resto del mondo: chiusura di scuole e università e divieto di assembramenti in locali pubblici e privati, al chiuso e all'aperto, per i prossimi 15 giorni. Misure adottate anche in Costarica (35 casi confermati), in Guatemala, Paese che per ora registra un solo caso di contagio, e a Panama (43 persone contagiate), dove il presidente Laurentino Cortizo ha presentato un piano di sostegno all'economia da 1,2 milioni di dollari tramite gli istituti bancari.