Amici su Facebook, una app per scoprire se è vero

Filippo Panza
Amici su Facebook, una app per scoprire se è vero

C’è chi se ne vanta con gli amici (reali) e chi non prende l’argomento troppo sul serio. Si tratta delle amicizie su Facebook. Difficile stabilire quante siano veritiere. Una mano arriva da HateWithFriends.com, un’applicazione che promette di individuare i cosiddetti ‘frenemies’ (fusione delle parole inglesi friend ed enemies, Ndr), cioè tutti quelli che si definiscono tuoi ‘amici’ sul più diffuso social network al mondo, ma in realtà segretamente ti odiano. Magari con cordialità. Prima di pensare alla garanzia di rapporti più sinceri e duraturi, è meglio spiegare il funzionamento della nuova applicazione creata da Chris Baker, 30 anni, ex direttore creativo presso il sito web di notizie BuzzFeed. Innanzitutto vi si accede con il proprio account Facebook. Quindi HateWithFriends.com mostra l’elenco di tutti gli ‘amici’ dell’utente. Che, a questo punto, clicca il pulsante presente sotto le ormai famose faccine-emoticon per indicare quali persone odia. Se tra coloro che stanno usando il nuovo servizio c’è, per parafrasare il poeta Ugo Foscolo, corrispondenza di odiosi sensi, il sito informa entrambe le parti. Si può decidere, allora, di cancellare il presunto amico, rivelatosi poi nemico, dal proprio elenco.

Guarda anche: La miglior dieta? Una foto su Facebook

HateWithFriends.com sta già scatenando molte polemiche. Il popolo della Rete si divide nettamente tra favorevoli e contrari. Da un lato chi ringrazia perché ha potuto scoprire, magari dopo tanti anni, un falso amico. Dall’altro chi è molto scettico sull’efficacia della nuova applicazione e addirittura vede nella tecnologia un pericolo per la società. “Il vecchio modo di socializzare sembra una soluzione semplice per capire se qualcuno ti odia” scrive un commentatore. Tra le due opposte fazioni, forse la verità, come spesso capita, sta nel mezzo. “HateWithFriends.com non è destinato a essere preso molto sul serio – chiarisce Baker ad ABC News – è pensato per essere divertimento e critica sociale sullo stato attuale di Facebook. Mi aspetto – aggiunge - che sia un evento raro trovare l’odio reciproco sul sito”.

Nell’attesa di capire se l’antisocialità sarà la tendenza del prossimo futuro, il più famoso social network, lanciato nel 2004 da Mark Zuckerberg e da alcuni suoi compagni dell’Università di Harvard, ormai quotato anche a Wall Street, è sempre pieno di novità per il suo miliardo di utenti. Una delle ultime è la dieta on line, che promette grandi risultati in 12 settimane. Basta ridurre i carboidrati, consumare tre pasti abbondanti al giorno, fare esercizio fisico quattro volte a settimana per 30 minuti e, ogni 7 giorni, mettere su Facebook la propria foto in biancheria intima. La vergogna di sottoporre i propri chili in eccesso allo sguardo degli altri, è l’opinione del personal trainer inglese Frank Gorman, inventore della dieta, costituisce lo stimolo principale per dimagrire. Sarà anche vero. Ma se proprio volete perdere peso, è sempre meglio stare attenti ai consigli e ai giudizi dei presunti amici.

VIDEO - Soldi a chi segnala bug: la caccia di Facebook e Microsoft agli hacker