Amministrative: circolare elezioni, seggi in reparti Covid e regole per voto a casa

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 11 mag. (Adnkronos Salute) – Dai seggi nei reparti Covid, alle norme per la raccolta del voto nelle Rsa e a domicilio del cittadino positivo a Sars-Cov-2. Arrivano le indicazioni pratiche contenute nella circolare unificata, firmata dal direttore generale della prevenzione sanitaria del ministero della Salute, Giovanni Rezza, per le "misure di prevenzione dal rischio di infezione da Sars-Cov-2" per le consultazioni elettorali e i referendum che si terranno ne 2022, come previsto dal decreto-legge n. 41 del 4 maggio 2022.

L'obiettivo della norma è, si legge nella circolare, "salvaguardare il pieno esercizio del diritto al voto da parte di tutti i cittadini attraverso modalità operative che assicurino, individuando apposite misure precauzionali di ulteriore prevenzione dei rischi di contagio, la piena garanzia dello svolgimento del procedimento elettorale e referendario e della raccolta del voto, prevedendo anche per gli elettori Covid-19 positivi, in isolamento ospedaliero o domiciliare, esplicite modalità operative e di sicurezza che consentano, di poter prender parte attiva alle consultazioni". Il decreto prevede la costituzione di sezioni ospedaliere nele strutture che ospitano reparti Covid "con posti letto da 100 a 199 posti, che si aggiungono a quelli già previsti dalla normativa vigente nelle strutture sanitarie da 200 posti in poi". E' "stato disposto che tali sezioni ospedaliere, tramite seggi speciali, possano provvedere alla raccolta del voto domiciliare per gli elettori sottoposti a isolamento per Covid-19, nonché ricoverati presso le strutture sanitarie con Reparti Covid-19 con meno di 100 posti letto".

Per quanto riguarda il voto a domicilio, le persone positive al Covid devono certificare, verificata dal medico competente. "I componenti del seggio speciale – indica la circolare – dovranno indossare camice/grembiule monouso, guanti, visiera con mascherina chirurgica oppure dispositivi di protezione facciale di tipo Ffp2 o Ffp3". L'elettore dovrà indossare la mascherina e lavare accuratamente le mani prima di procedere al voto. "La scheda, dopo la votazione, sarà depositata in un’apposita busta; le matite dovranno essere sanificate al termine dell’operazione di voto. Con il rigoroso rispetto delle indicazioni sopra descritte, le schede possono essere introdotte all’interno delle urne delle sezioni 'ordinarie', in quanto ciò non implica rischi per il personale addetto al successivo spoglio delle stesse, da effettuarsi come di seguito descritto. Per quanto riguarda la raccolta del voto nei reparti Covid-19, valgono le raccomandazioni rivolte alla raccolta a domicilio, con ulteriori eventuali accorgimenti che saranno indicati dal personale sanitario responsabile".

"Circa le operazioni di scrutinio, sebbene il rischio di contaminazione sia molto basso laddove le misure preventive in fase di raccolta siano state accuratamente applicate, al fine di ridurlo ulteriormente, si devono mettere in atto le seguenti misure: Mantenere il distanziamento di almeno un metro; Igienizzare frequentemente le mani con soluzione idroalcolica; Indossare la mascherina chirurgica, da sostituire dopo sei ore; – Indossare guanti monouso se si devono maneggiare le schede; Evitare di toccarsi il volto (sia a mani nude sia indossando i guanti), con particolare riguardo alle mucose orali, nasali e agli occhi".

Per la raccolta del voto presso le strutture residenziali sociosanitarie e socioassistenziali (Rsa) "i componenti delle sezioni ospedaliere e dei seggi speciali deputati alla raccolta del voto presso queste strutture devono essere muniti di certificazioni verdi Covid-19. Le operazioni di voto dovranno essere il più rapide possibile e dovranno svolgersi all’interno di locali dedicati, sufficientemente ampi ai fini del mantenimento del distanziamento e dotati di adeguato ricambio d’aria".

Necessaria, infine, la formazione del personale dedicato alla raccolta del voto domiciliare, anche in "considerazione del fatto che a raccogliere il voto a domicilio potrà provvedere anche personale non sanitario, è necessario che tale personale, oltre ad essere dotato di adeguati dispositivi di protezione individuale, riceva idonea formazione sul loro corretto utilizzo (procedure di vestizione, svestizione, smaltimento etc..) e sulle corrette procedure da seguire durante tutto l’iter relativo allo svolgimento delle attività di raccolta del voto al domicilio del paziente".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli