Amministrative: Letta, 'non avranno conseguenze politiche'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 18 set. (Adnkronos) – Se Gualtieri non ce la fa, lei rischia? "Mancano solo due settimane, parleranno gli elettori. I sondaggi, che in questo momento sono favorevoli a noi, vanno sempre letti tenendo conto dei tanti elettori ancora indecisi, forse il 40 o il 50%. Io guarderò solamente i risultati, perché la quota di quanti sceglieranno all'ultimo è troppo larga. Alla fine conteranno i voti veri". Così il segretario del Pd, Enrico Letta, al Corriere.

Se il Pd non vince sarà un terremoto? "Stiamo facendo il massimo per un voto che è amministrativo: ha una dimensione civica, per cui non bisogna tirare conseguenze politiche di nessun tipo". Teme che la minoranza parta all'assalto, chiedendole il congresso per candidare Bonaccini e contestandole l'alleanza con Conte? "Vedo nel mio partito una unità sostanziale, reale, che ci sta aiutando molto. Continueremo a lavorare con questo spirito perché aiuta il governo, mentre gli altri sono molto divisi".

I chilometri che sta facendo a Siena e dintorni rivelano che è preoccupato? "Rivelano che sto prendendo seriamente questo impegno e la campagna nazionale. Nel weekend sarò in Calabria e lunedì a Napoli da Manfredi. Andrò anche a Torino, dove Lo Russo sta facendo un ottimo lavoro. I nostri candidati sono competitivi dovunque e il centrosinistra è unito. Tranne che a Roma, siamo uniti ovunque. Abbiamo offerto ai cittadini i migliori candidati e le alleanze più solide".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli