Amnesty: in Asia cresce repressione su giovani attivisti -7-

vgp

Roma, 29 gen. (askanews) - Un nazionalismo intollerante contro le minoranze In India e Cina il mero rischio di assistere a un'insubordinazione nelle aree ufficialmente autonome è stato sufficiente per scatenare reazioni a tutta forza da parte dello stato e per definire le minoranze come una "minaccia alla sicurezza nazionale".

Nella provincia cinese dello Xinjiang, fino a un milione di appartenenti all'etnia uigura e ad altre minoranze etniche musulmane sono stati chiusi a forza nei cosiddetti campi per la "deradicalizzazione".

Lo statuto di autonomia del Kashmir, l'unico stato dell'India con una popolazione in maggioranza musulmana, è stato annullato e le autorità hanno imposto il coprifuoco, tagliato l'accesso a tutte le forme di comunicazione e arrestato dirigenti politici locali.

(Segue)