Amnesty: in Asia cresce repressione su giovani attivisti -9-

vgp

Roma, 29 gen. (askanews) - È stato il Tribunale penale internazionale a indagare sui crimini contro l'umanità commessi nel 2017 dall'esercito di Myanmar contro i rohingya. Il tribunale sta anche indagando sulle migliaia di omicidi commessi dalla polizia nelle Filippine mentre è in corso un appello contro la sua decisione di non autorizzare indagini sui crimini di guerra e sui crimini contro l'umanità in Afghanistan.

Nel frattempo, le crudeli politiche di detenzione oltremare portate avanti dall'Australia hanno lasciato rifugiati e richiedenti asilo a languire in condizioni mentali e fisiche sempre peggiori sulle isole di Manus (Papua Nuova Guinea) e Nauru.

(Segue)