Amnesty:_basta repressione contro attivisti in Iraq -2-

vgp

Roma, 21 ott. (askanews) - "Chiunque dia voce al dissenso in Iraq oggi va incontro a interrogatori con una pistola puntata contro, minacce di morte e sparizione forzata. Le autorità irachene hanno promesso che avrebbero aperto un'indagine sulle uccisioni di manifestanti. È passata più di una settimana da quando le proteste si sono calmate, ma non c'è stata nessuna azione del genere. Invece, ciò che stiamo vedendo è una continuazione dello stesso approccio: quello della repressione a un prezzo scioccante per il popolo iracheno", ha affermato Lynn Maalouf, direttrice delle ricerche sul Medio Oriente di Amnesty International.

(Segue)