Amnesty:_basta repressione contro attivisti in Iraq -5-

vgp

Roma, 21 ott. (askanews) - L'imboscata è avvenuta due giorni dopo che due uomini armati delle Ump si erano presentati a casa di al-Hattab per avvertirlo di smettere di parlare apertamente su Facebook dell'uccisione di manifestanti, altrimenti lo avrebbero eliminato.

Mentre si stavano dirigendo a una stazione di polizia per denunciare il rapimento, i parenti di al-Hattab hanno ricevuto una telefonata di minacce. Ma non hanno desistito. Tuttavia le forze di sicurezza locali hanno dichiarato di non essere a conoscenza dell'arresto o di dove si trovi.

(Segue)