Amnesty contro produttori armi: minacciano diritti umani -10-

vgp

Roma, 9 set. (askanews) - Amnesty International ha sottoposto ai produttori quattro richieste precise: valutare i precedenti comportamenti dei loro clienti dal punto di vista del rispetto dei diritti umani; inserire nei contratti l'elevato auspicio che i loro clienti rispetteranno le norme internazionali sui diritti umani; monitorare costantemente l'operato dei loro clienti e svolgere periodici audit; usare il loro peso per influenzare l'operato dei loro clienti.

"I giganti del settore delle armi se ne stanno lavando le mani sostenendo che una volta che le loro forniture sono state spedite non hanno più alcun controllo su come verranno usate. Questo argomento non sta in piedi, dal punto di vista legale ed etico. È arrivato il momento che i produttori di armi si assumano le responsabilità delle loro decisioni e, se è impossibile evitare il rischio che le loro armi saranno usate per violare i diritti umani, evitino o cessino di fornirle", ha concluso Wilcken.

(Segue)