Amnesty contro produttori armi: minacciano diritti umani -3-

vgp

Roma, 9 set. (askanews) - "Non uno dei produttori contattati ha saputo dimostrare l'applicazione di un'idonea dovuta diligenza in materia di diritti umani: un dato che mostra un'allarmante indifferenza ai costi umani dei loro affari ma che potrebbe anche condurre all'apertura di indagini per complicità in crimini di guerra", ha aggiunto Wilcken.

Se gli obblighi internazionali degli stati sono definiti in modo chiaro dal Trattato internazionale sul commercio di armi e dalla normativa nazionale e regionale, il ruolo determinante dei produttori che forniscono beni e servizi militari è spesso sottovalutato, nonostante la natura spesso intrinsecamente pericolosa dei prodotti venduti.

(Segue)