Amnesty, Coronavirus e diritti umani: sette cose da sapere -8-

vgp

Roma, 6 feb. (askanews) - Dall'inizio della crisi sono stati censurati numerosi articoli, anche su quotidiani di larga tiratura.

"Le autorità cinesi rischiano di non far circolare informazioni che potrebbero aiutare la comunità medica a contrastare l'epidemia e le persone a proteggersi dall'esposizione al virus. Il fatto che alcune di queste informazioni non siano accessibili a tutti aumenta il rischio di esposizione al coronavirus e ritarda una risposta efficace", ha precisato Bequelin.

Minacce e intimidazioni contro gli attivisti Persone che hanno cercato di condividere informazioni sui social media circa il coronavirus sono state prese di mira dalle autorità cinesi. Ad esempio, il noto avvocato e giornalista Chen Qiushi ha denunciato di essere stato minacciato dopo aver diffuso online fotografie degli ospedali di Wuhan.

(Segue)