Amnesty: decreti sicurezza devastanti, ghettizzazione e povertà -2-

Sav/Gci

Roma, 22 gen. (askanews) - "Gli effetti del Decreto legislativo 113/2018 si sono diffusi su ambiti diversi dell'accoglienza e dunque sulla vita complessiva dei migranti in Italia e in particolare dei richiedenti asilo portando a una progressiva marginalizzazione e precarizzazione del loro quotidiano nel paese", ha affermato Marco Omizzolo, autore del briefing. Per Gianni Rufini, direttore di Amnesty International Italia, "le misure previste hanno un impatto devastante sulla vita delle persone presenti sul territorio italiano, togliendo loro un'identità, trasformandole in fantasmi privandole di alloggio o di cure mediche. Oltre a non rappresentare la soluzione di alcun problema sono semplicemente disumane: sono necessarie modifiche sostanziali del decreto che riconoscano il diritto a una vita dignitosa e all'esercizio reale dei diritti fondamentali garantiti dai principi costituzionali e internazionali".

Il Decreto sicurezza, rileva Amnesty, "impedisce inoltre l'accesso al sistema Siproimi (Sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e per minori stranieri non accompagnati) ai richiedenti asilo, una scelta che aumenta la possibilità che molte di queste persone rimangano nella sfera della prima accoglienza e quindi in situazione di particolare vulnerabilità (sanitaria e psicologica). Con la nuova legge è stata abolita la protezione umanitaria, sostituita con cinque nuove tipologie di permesso di soggiorno (permesso per protezione speciale, calamità, cure mediche, atti di particolare valore civile e casi speciali). Pertanto numerosi individui che in precedenza sarebbero stati regolari si ritroverebbero in una condizione di illegalità e a rischio espulsione".

Amnesty International Italia ribadisce infine "la necessità di un sistema di accoglienza ragionato e che non sia solo dettato da una politica orientata a bloccare donne, bambini e uomini che scappano da guerre, terrorismo e persecuzioni e che pone barriere di carattere amministrativo e legislativo che violano i diritti umani".