Amnesty denuncia allevamenti illegali nell'Amazzonia -9-

Mgi
·1 minuto per la lettura

Roma, 15 lug. (askanews) - Inoltre, nel 2019 JBS ha acquistato pi volte da due allevatori che hanno sia allevamenti illegali in aree protette che allevamenti legali fuori dalle aree. Un allevatore pascola bestiame illegalmente nella riserva di Rio Jacy-Paran e un altro nel territorio nativo di Uru-Eu-Wau-Wau. In ciascun caso, gli allevatori hanno registrato i movimenti degli animali da un allevamento all'interno delle aree protette a un allevamento fuori dall'area protetta. Poi, hanno registrato separatamente il movimento degli animali dagli allevamenti legali a JBS. In due casi, il secondo trasferimento stato registrato dopo soli pochi minuti. Entrambi gli spostamenti hanno coinvolto un numero uguale di animali della stessa et e dello stesso sesso. In questi casi, si trattava di animali di oltre 36 mesi, et tipica per il trasferimento per la macellazione. Secondo gli esperti intervistati da Amnesty International, ci potrebbe indicare la pratica del riciclaggio di animali. Il riciclaggio di animali, ovvero la pratica di far passare gli animali attraverso allevamenti intermediari per farli sembrare legali, elude i sistemi di monitoraggio esistenti. (Segue)