Amnesty: a due anni da esodo rohingya, ancora nessuno paga -5-

Red

Roma, 22 ago. (askanews) - Nel giugno 2018 un rapporto di Amnesty International ha fatto i nomi di 13 ufficiali delle forze di sicurezza fino al vertice della catena di comando rappresentata dall'alto generale Min Aung Hlaing che dovrebbero essere processati per crimini contro l'umanità. L'Unione europea ha imposto sanzioni mirate su 11 di questi 13 militari.

In Bangladesh oltre 910.000 rohingya, compresi quelli fuggiti a seguito delle precedenti ondate di violenza, vivono in campi per rifugiati dove subiscono forti restrizioni: ad esempio non possono lavorare né muoversi liberamente e i bambini non possono andare a scuola.(Segue)