Amnesty: a Kharkiv centinaia di civili uccisi con bombe a grappolo

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 13 giu. (askanews) - Secondo una nuova ricerca di Amnesty International, la Russia ha ucciso centinaia di civili nella città ucraina nord-orientale di Kharkiv con bombardamenti indiscriminati e l'uso di munizioni a grappolo ampiamente vietate.

Amnesty ha affermato di aver trovato prove dell'uso ripetuto da parte delle forze russe di bombe a grappolo 9N210/9N235, nonché di munizioni a "frammentazione", razzi che espellono mine più piccole che esplodono più tardi a intervalli di tempo.

La BBC ha visitato cinque siti di impatto nei quartieri residenziali di Kharkiv e ha visto forme di distruzione compatibili con gli effetti dell'uso di munizioni a grappolo.

"Questi impatti provengono dalle munizioni a grappolo, ", ha affermato Mark Hizney, ricercatore senior nella divisione armi di Human Rights Watch. "In un'immagine si può anche vedere il residuo di una pinna stabilizzatrice da una delle submunizioni", ha detto.

Le riprese di alcune telecamere a circuito chiuso trasmesse alla BBC da un residente in uno dei siti hanno mostrato successive detonazioni dopo il primo impatto: "un indicatore molto forte dell'uso munizioni da un'arma a grappolo", ha detto Hamish de Bretton Gordon, ex colonnello dell'esercito britannico ed esperto di armi dell'Università di Cambridge.

Le munizioni a grappolo sono controverse perché esplodono nell'aria e rilasciano un grappolo di bombe più piccole che cadono indiscriminatamente su una vasta area, mettendo potenzialmente a rischio i civili.

Anche le bombe più piccole spesso non esplodono all'impatto, rappresentando una minaccia per gli anni a venire. Più di 120 paesi hanno firmato un trattato che vieta l'uso di queste armi, sebbene né la Russia né l'Ucraina siano firmatari.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli