Amnesty: Ue si impegni a favore dei difensori dei diritti umani -2-

red/Mgi

Roma, 25 set. (askanews) - "Quando l'Unione europea e i suoi stati membri sono al fianco dei difensori dei diritti umani, ciò può fare la differenza tra la libertà e la prigionia, tra la vita e la morte. Ma quando quest'azione manca, i difensori dei diritti umani sono lasciati soli: questo può mettere in pericolo il loro lavoro e le stesse comunità per cui s'impegnano", ha dichiarato Eve Geddie, direttrice dell'Ufficio di Amnesty International presso le Istituzioni europee.

"Le nostre ricerche mostrano una serie di incongruenze nell'applicazione delle politiche dell'Unione europea per la protezione dei difensori dei diritti umani. Ad esempio, l'Unione europea prende spesso posizione in favore dei difensori dei diritti umani in Cina mentre il suo silenzio è pressoché totale quando si tratta dell'Arabia Saudita, nonostante la grave repressione in atto contro il dissenso: mantenere buone relazioni col regno saudita è evidentemente più importante che prendere la parola sulle violazioni dei diritti umani", ha aggiunto Geddie. (Segue)