Amore e libertà in 'La forma del cuore' di Monica Cirinnà e Anton Emilio Krogh

·3 minuto per la lettura

Una storia d’amore tormentata e travolgente sullo sfondo di una Napoli strabordante di bellezza e di fantasmi. Ma anche l’iter legislativo e le profonde motivazioni che hanno portato all’approvazione delle Legge Cirinnà. Una vicenda realmente accaduta che la senatrice Monica Cirinnà e l'avvocato e scrittore Anton Emilio Krogh raccontano nel romanzo 'La forma del cuore' (Mursia, pagg. 252, Euro 17,00), appena uscito in libreria e scritto a quattro mani che ha come protagoniste Ada ed Eve, due donne dai nomi palindromi, che sperimentano sulla propria pelle l'imprevedibilità dell'amore. Un romanzo forte e al contempo delicato che ha la capacità di caricare il lettore di una straordinaria energia positiva per affrontare la vita e le sue insidie con fiducia e speranza.

“Viviamo in una società nella quale i diritti, anche quelli conquistati, hanno la fragilità di cristalli, pertanto se è una legge a dare loro forma e sostanza, è solo la viva testimonianza di ogni giorno che li rafforza e protegge nella loro fragilità”, dichiara Monica Cirinnà. “Per questo in un mondo ancora pieno di pregiudizi in cui gli episodi di bullismo e violenza omofobica sono all’ordine del giorno, abbiamo ritenuto che la storia di Ada e di Eve dovesse essere raccontata”, aggiunge Anton Emilio Krogh.

Ada ed Eve sono due nomi così piccolini e che si possono pronunciare avanti e indietro senza cambiare significato. Ada è un fuciliere scelto dell’Esercito italiano. Eve è una novizia francescana in attesa della conferma dei voti. Due donne diverse, ma che si scoprono molto simili quando i loro destini si incastrano durante un pellegrinaggio a Lourdes. Due vite, sullo sfondo di una Napoli strabordante di bellezza e di fantasmi, che cercano riparo sotto la rassicurante morale di una divisa, ma che si trovano a sperimentare sulla loro pelle l’imprevedibilità dell’amore. Ad aiutarle in un tortuoso percorso d’amore e di burocrazia ci sarà Margherita, avvocato impegnato soprattutto perché le unioni civili diventino legge in Italia. Questo romanzo è una storia di amore e libertà, di sfida alle convenzioni e alle divise, ma è anche il racconto dell’iter legislativo della Legge Cirinnà, perché l’amore non è solo una questione tra due persone, ma è quell’energia gloriosa che fa da collante dell’intera comunità.

A seguito dell’uscita del libro i due autori inizieranno nelle prossime settimane un tour di presentazioni iniziando da Milano (lunedì 15 Novembre ore 18,00 presso la Feltrinelli Libri e Musica di Piazza Piemonte 2/4 – interviene Simone Marchetti, direttore di Vanity Fair), per poi proseguire con Roma ( giovedì 25 Novembre ore 18.30 presso Taverna Testaccio via di Monte Testaccio n. 46 ) con Napoli (lunedì 29 novembre ore 18,00 presso la Feltrinelli Libri e Musica alla Corte dell’Arte di Foqus di via Portacarrese a Montecalvario 69 – intervengono le giornaliste Titta Fiore e Anna Paola Merone), e Palermo ( martedì 07 Dicembre ore 18.00 presso la Feltrinelli Libri e Musica di via Cavour 133 - interviene Stefania Petyx , inviata di “Striscia la notizia “) per poi proseguire in altre città italiane.

Anton Emilio Krogh è avvocato. Sensibile alle tematiche del coming out, del bullismo e delle discriminazioni, presenta i suoi libri nelle scuole per sensibilizzare i ragazzi su questi argomenti. Con Mursia ha pubblicato 'Come me non c’è nessuno. Diario di un sogno' (2017) e 'Non si può fermare l’estate' (2018). Monica Cirinnà è senatrice eletta nelle liste del Pd. Laureata in Legge all’Università La Sapienza di Roma, il suo nome è legato alla Legge Cirinnà, approvata nel maggio del 2016, che riconosce anche in Italia le unioni civili tra persone dello stesso sesso, oltre che a un impegno per i diritti umani, per l’ambiente e per gli animali.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli